Il laptop moderno - Galago Pro

Postato il

Dopo diversi anni ho dovuto cedere ed acquistare un pc “moderno”.
Quest ultimo è un termine usato frequentemente da molti, illusi che il PC sia veloce, sicuro, efficiente, bello, ma che nell’effettivo non da garanzia sui requisiti richiesti.

Io non ho mai cercato il computer “moderno”, ho sempre preferito vecchie ma resistenti “macchine da battaglia”, come il Thinkpad T400/T500.
Puoi reperire pezzi di ricambio su ebay a prezzi vantaggiosi e soprattutto è uno dei pochi PC certificato dalla FSF come totalmente rispettoso delle quattro libertà.



Ma alcune esigenze sono cambiate e come sviluppatore di Unitoo ho avuto diversi incarichi, alcuni onerosi, altri meno dai quali ho capito che avevo bisogno di più potenza, più efficienza da ciò che è il mio strumento principale di lavoro.



Il mio PC non è una semplice workstation, contiene anche parte della mia vita privata e lo utilizzo quotidianamente, in qualche modo mi rappresenta; inoltre i costanti upgrade dei vari DE hanno reso la macchina sempre meno performante. Percui ho deciso di rivalutare l’uso del mio T500 e di acquistare quindi un nuovo PC GNU/Linux compatibile.



System76 Galago Pro

Una scelta ardua e combattuta. Sono sempre stato molto attento alle questioni legate alla sicurezza informatica e alle tutele sulla privacy. Tuttavia, nel 2020 ancora, le scelte ricadono su un numero di dispositivi assai esiguo.
Una scelta basata sulla necessità di mantenere vivi i principi etici e allo stesso tempo ottimizzare il lavoro.



In fin dei conti è il laptop da 14pollici più moderno che io abbia mai avuto e soprattutto incredibilmente performante. Sono rimasto sbalordito anche dalla capacità di System76 di fixare alcune cose che altri hanno ancora in fase embrionale come la gestione delle schede video commutabili, o la disattivazione del Intel ME (trovate qui una breve comprensione di quello che l’ME rappresenta e qualche strumento per eliminarlo).
Parliamo di una macchina con 8core a 4.2GhZ, 32GB di RAM DDR4 CL15 a 2666 e un NVME da 500gb.



Insomma dopo solo 1 settimana non riesco che a pensare positivo in merito la scelta fatta e sono contento che esistano aziende che si impegnino a realizzare prodotti di una certa qualità.
Abbiamo tutti bisogno di prodotti del genere per migliorare la nostra esperienza utente, soprattutto nell’ambito GNU/Linux.


Autore: Claudio Maradonna
Licenza: CC-BY-SA 4.0
system76  gnu-linux  laptop  notebook  workstation  alternative  freesoftware  experience  tips